Con il discorso pronunciato da Macron il 26 settembre alla Sorbona, la Francia si è schierata a favore della creazione di una sovranità europea, grazie alla quale poter difendere i valori e gli interessi europei nel mondo. Questa sovranità deve essere costruita intorno all’euro, a partire dall’iniziativa del gruppo dei paesi che maggiormente condividono la volontà di rafforzare la costruzione europea.

L’Italia, insieme alla Germania, è in prima linea e avrà un ruolo determinante se saprà sostenere e rafforzare l’iniziativa francese per creare finalmente un'Europa sovrana, democratica e federale.

In questo momento di grave incertezza politica, è urgente che le forze europeiste riconoscano l'eccezionalità del momento e si crei un ampio schieramento, in vista delle prossime elezioni politiche, di personalità politiche, organizzazioni sociali e comuni cittadini che credono nel progetto di un’Europa federale.

 

 

Nel mondo di oggi, l’Europa è la nostra unica possibilità per poter agire ed essere autonomi, per difendere la nostra libertà, i nostri valori democratici, il nostro modello di società solidale, e per proteggere i cittadini dando a tutti la garanzia di una vita dignitosa. Al tempo stesso, l’Europa che viviamo è ancora troppo debole: se vogliamo preservarla dobbiamo rafforzarla, e far sì che abbia gli strumenti politici e le risorse per fare le politiche necessarie in campo economico, industriale, energetico, ambientale e nel campo della politica estera e della sicurezza, sia interna che esterna.

La Francia, per la prima volta dopo la dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950, è scesa in campo per sostenere questo percorso e rivendicare l’unità politica dell’Europa. L’Italia, che trarrebbe grande vantaggio da una condivisione della sovranità sia in campo economico, sia in quello della politica estera e della sicurezza, ha tutto l’interesse a
sostenere questa svolta e a schierarsi con la Francia, esercitando a sua volta un ruolo federatore. Si tratta di un impegno che devono assumersi tutte le forze politiche e sociali favorevoli ai valori su cui si fonda l’Europa, e che deve tradursi in scelte condivise sia a livello nazionale – per esercitare la massima responsabilità, consapevoli del legame di interdipendenza irreversibile che caratterizza l’area Euro –, sia in merito all’avvio di un processo costituente per la riforma dei Trattati – necessario in particolare per la nascita di un governo economico e di un bilancio autonomo dell’Eurozona.

Il Movimento Federalista Europeo invita pertanto gli esponenti delle forze politiche europeiste e delle forze economiche e sociali a confrontarsi su questi temi, anche in vista delle prossime elezioni nazionali in primavera.

La convenzione sarà organizzata in due momenti: al mattino è prevista una tavola rotonda alla quale parteciperanno esponenti di primo piano delle forze politiche europeiste che si confronteranno sulle proposte di Macron per il rilancio dell'Europa; nel pomeriggio, invece, rappresentanti delle forze economiche e sociali considereranno la proposta di un bilancio per l'eurozona per finanziare le politiche di un'europa sovrana.

La Convenzione avrà luogo a Roma presso il Centro Congressi Piazza di Spagna di Roma Eventi (via Albert, 5A) durante la giornata di sabato 27 gennaio.

Si consiglia di prenotarsi riempiendo il modulo di iscrizione. Vi chiediamo anche di sostenere l'iniziativa del MFE firmando l'appello per un'Europa federale rivolto alle forze politiche e sociali.

Le sezioni cittadine del Movimento federalista europeo stanno organizzando il viaggio a Roma per partecipare l'evento. Trovate qui una mappa delle sezioni con i riferimenti per contattare gli organizzatori locali.

Il programma della Convenzione è in fase di preparazione e saranno date notizie sulla sua organizzazione su questo sito e sulla pagina Facebook del MFE.

 

 

 

 

CONVENZIONE PER UN’EUROPA FEDERALE

IL RUOLO E LE RESPONSABILITÀ DELL’ITALIA

27 gennaio 2018
Centro Congressi Roma Eventi,
Piazza di Spagna – Via Alibert 5 A

 

Ore 10.30-13.30
Tavola rotonda con le forze politiche

RILANCIARE L’EUROPA: SOVRANA,
DEMOCRATICA, FEDERALE


Coordinano

LUISA TRUMELLINI
Segretaria nazionale MFE

 

ANTONIO ARGENZIANO
Segretario nazionale GFE

Saluto della Rappresentanza della
Commissione europea in Italia

Apertura dei lavori

GIORGIO ANSELMI
Presidente del MFE


Interventi introduttivi degli esponenti del Gruppo Spinelli

ELMAR BROK
Co-Presidente dei Parlamentari europei del Gruppo Spinelli e Presidente dell’Unione Europea dei Federalisti

MERCEDES BRESSO
Board del Gruppo Spinelli,
Parlamentare Europeo

ANDREW DUFF
Presidente del Gruppo Spinelli


Sono stati invitati leader ed
esponenti delle forze politiche pro-europee


Per il
Governo Italiano

SANDRO GOZI
Sottosegretario alla Presidenza del
Consiglio con delega agli Affari europei

ANDREA ORLANDO
Ministro della giustizia


Per il CEMR (Council of European
Municipalities and Regions)

STEFANO BONACCINI
Presidente europeo

Conclusioni

PAOLO GENTILONI*
Presidente del Consiglio

Pausa pranzo – Buffet

Ore 14.30-16.30

Tavola rotonda con le forze economiche e sociali

UN BILANCIO DELL’EUROZONA PER LE POLITICHE
EUROPEE,PER L’ECONOMIA, L’INDUSTRIA,
IL LAVORO, L’AMBIENTE, IL WELFARE

Introduzione a cura del MFE

Interventi degli esponenti delle associazioni
imprenditoriali e di categoria, delle associazioni
sindacali e delle organizzazioni sociali e culturali


Chiusura del convegno


*in attesa di conferma

 

 


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE