Con il discorso pronunciato da Macron il 26 settembre alla Sorbona, la Francia si è schierata a favore della creazione di una sovranità europea, grazie alla quale poter difendere i valori e gli interessi europei nel mondo. Questa sovranità deve essere costruita intorno all’euro, a partire dall’iniziativa del gruppo dei paesi che maggiormente condividono la volontà di rafforzare la costruzione europea.

L’Italia, insieme alla Germania, è in prima linea e a avrà un ruolo determinante se saprà sostenere e rafforzare l’iniziativa francese per creare finalmente un'Europa sovrana, democratica e federale. Le elezioni italiane del 4 marzo, e la campagna elettorale che le precede, assumono quindi un un'importanza decisiva per capire se il Governo italiano sarà in grado di svolgere il compito a cui è chiamato in Europa.

In questo momento di grave incertezza politica, è urgente che le forze europeiste riconoscano l'eccezionalità del momento e si crei un ampio schieramento di personalità politiche, organizzazioni sociali e comuni cittadini che credono nel progetto di un’Europa federale.

Per questo motivo, il Movimento federalista europeo ha deciso di promuovere una convenzione a Roma invitando esponenti europeisti del Governo e dei pariti a confrontarsi con esponenti politici europei e con rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati sui temi del rilancio dell'unione politica dell'Europa e della necessità di un bilancio per le politiche dell'eurozona.

La convenzione è stata organizzata il 27 gennaio presso il Centro Congressi di Piazza di Spagna dal Movimento federalista europeo e dalla Gioventù federalista europea con il contributo della Rappresentanza dell Commissione Europea in Italia, del Gruppo Spinelli al Parlamento Europeo e dell'Unione Europea dei Federalisti.

Nonostante la data sfavorevole, prossima alla scadenza per la presentazione delle liste, gli esponenti politici invitati hanno voluto essere presenti per portare la posizione dei propri partiti sull'Europa, pronunciandosi in modo chiaro sulle questioni fondamentali che riguardano il suo futuro. Il successo dell'iniziativa è stato confermato anche dalla partecipazione del pubblico (la sala era gremita) e dall'interessamento dei media che hanno fornito una buona copertura dell'evento nonostante l'attenzione rivolta alle questioni interne ai partiti per la composizione delle liste.

Sono intervenuti nella sessione del mattino:  
i membri del Gruppo Spinelli Elmar Brok Co-Presidente dei Parlamentari europei del Gruppo Spinelli e Presidente dell’Unione Europea dei Federalisti, Mercedes Bresso, Board del Gruppo Spinelli, Parlamentare Europeo, e Andrew Duff, Presidente del Gruppo Spinelli;      
Sandro Gozi Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, Piero Fassino, Partito Democratico, Gaetano Quagliariello, Noi con l'Italia, Stefano Parisi, Energie per l'Italia, Andrea Mazziotti Di Celsio, +Europa, Lucio Malan, Forza Italia e, con un videomessaggio, Stefano Bonaccini, Presidente AICCRE.
Sono stati espressi punti di vista diversi sulle politiche europee ma è emersa una sostanziale condivisione della necessità di procedere verso l'obiettivo di una federazione europea nel solco dell'iniziativa del Presidente Francese Emmanuel Macron.
Tutti hanno altresì sottolineato la centralità della prospettiva europea nella attuale campagna elettorale italiana.     

Nella seconda sessione del pomeriggio "Un bilancio dell'Eurozona per politiche europee, per l'economia, l'industria, il lavoro, l'ambiente , il welfare" si sono confrontate le forze sociali ed economiche con i seguenti interventi:
Carmelo Barbagallo, Segretario generale UIL, Salvatore Marra, Area politiche europee e internazionali CGIL, Andrea Mone, Coordinatore politiche europee CISL,  Pier Virgilio Dastoli, Presidente CIME, Claudio Cappellini, Responsabile Politiche comunitarie-Europa CNA, Fabio D'Onofrio, Presidenza nazionale Confesercenti.
Anche in questa sessione è emerso quanto la dimensione europea sia di fondamentale importanza per l'ambito sociale ed economico e quanto sia urgente una vera rifondazione dell'Europa.

Nell'intervallo tra le due sessioni è stato realizzato un flash-mob nella vicina Piazza del Popolo, disegnando una grande E della bandiera federalista.

 

 

CONVENZIONE PER UN’EUROPA FEDERALE

IL RUOLO E LE RESPONSABILITÀ DELL’ITALIA

27 gennaio 2018
Centro Congressi Roma Eventi,
Piazza di Spagna – Via Alibert 5 A

 

 

Programma

Rassegna stampa

Archivio fotografico

Registrazione video

a cura di Radio Radicale

 

 

 


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE