PER UN'EUROPA FEDERALE
LE RESPONSABILITÀ DELL'ITALIA

Dichiarazione d'impegno dei candidati

 

La costruzione dell’unità europea è un’impresa coraggiosa e lungimirante. E’ stata, ed è, la condizione necessaria per garantire la pace, il progresso, la solidarietà e la prosperità del nostro continente. Nel mondo di oggi, l’Europa è la nostra unica possibilità per poter agire ed essere indipendenti, per difendere i nostri valori democratici, il nostro modello di società solidale, e per proteggere i cittadini dando a tutti la garanzia di una vita dignitosa: in un parola, per tornare ad essere sovrani.

 
 
Dichiarazione d'impegno
Candidati che hanno firmato
Eletti che hanno firmato
Incontri e iniziative
delle sezioni MFE

Oggi, dopo più di 60 anni, nel processo di unificazione europea è all'ordine del giorno l'unione federale. Lo esigono la necessità sia di superare le carenze e le debolezze dell’Unione europea, che in questi anni si sono manifestate attraverso crisi drammatiche; sia di sanare la grave sfiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella politica, che si traduce nella crescita delle forze populiste e anti-democratiche. E lo rende possibile la nuova disponibilità manifestata dalla Francia, che sinora aveva costituito il più grave elemento di freno, di avviare la riforma dei Trattati per poter rafforzare l’Unione e costruire un’Europa sovrana, unita, democratica.

L’Italia ha tutto l'interesse a sostenere questa svolta e a schierarsi con la Francia, a maggior ragione ora che l’accordo per il governo di coalizione in Germania prevede la riforma dell’Unione europea come primo punto. Il nostro paese trarrebbe grande vantaggio da una condivisione della sovranità sia in campo economico, sia in quello della politica estera e della sicurezza. E, come Paese fondatore, può avere un grande peso, anche per il suo ruolo storico di primo piano, nell'evoluzione in direzione politica e federale del processo di integrazione.

Il Movimento Federalista Europeo, pur rimanendo estraneo alle logiche partitiche e non intendendo schierarsi a priori in campagna elettorale, considera però le prossime elezioni nazionali come un momento di prova per il Paese ed è convinto che i risultati avranno un grande peso nel determinare il futuro dell’Italia e dell’Europa. Per questo, c’è una discriminante che il MFE intende richiamare all’attenzione dei cittadini e che farà valere in queste prossime settimane: quella europea.

In particolare, rivolgendosi ai responsabili delle forze politiche in campo e ai singoli candidati, il MFE sottolinea la necessità, per il bene dell’Italia e dell’Europa, di condividere e sottoscrivere questi impegni:

a) nella politica nazionale: proseguire con fermezza il processo delle riforme del Paese e perseguire il risanamento finanziario, requisito essenziale anche per esercitare un ruolo in Europa;

b) nel quadro europeo: cogliere l’opportunità offerta dalla nuova posizione della Francia sull’Europa e contribuire a creare un fronte di paesi che condividono la stessa volontà politica al fine di:

i) completare l’Unione monetaria con una vera Unione economica, dotata degli strumenti finanziari e del potere democratico necessari per fare politiche europee di crescita e di stabilizzazione;

ii) avviare politiche finalizzate a promuovere una maggiore solidarietà e coesione sociale nell’UE e ad approfondire l’integrazione nel campo della sicurezza interna ed esterna, della politica migratoria, del rafforzamento del Mercato unico;

iii) avviare un processo costituente per la riforma dei Trattati, finalizzato all’obiettivo di dotare le istituzioni europee di poteri di natura federale in grado di dar vita ad un’Europa sovrana, unita, democratica.

Infine, in vista del lavoro della prossima legislatura, il MFE chiede, in caso di elezione, la disponibilità a far parte di un Gruppo Spinelli (aperto a tutte le forze pro-europee), in sinergia con il Gruppo Spinelli al Parlamento europeo, con l’obiettivo di sviluppare all’interno del Parlamento una maggiore consapevolezza sui temi europei e sulle responsabilità e il ruolo dell’Italia in Europa.

 

 

 


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE