Domenica 29 ottobre, a partire dalle 10.15, si è svolto il Congresso del Centro regionale MFE Emilia-Romagna a Cesena, presso la sede del sindacato CISL.

La mattinata, dopo il saluto iniziale della Segretaria della sezione cesenate, Maria Laura Moretti, ha visto gli interventi di numerosi rappresentanti delle maggiori forze politiche e sociali della Regione Emilia – Romagna sul ruolo dell’Italia e dell’Emilia-Romagna nella costruzione europea.

Luisa Trumellini, Segretaria nazionale MFE, ha aperto i lavori della mattinata con un intervento incentrato sull’importanza del discorso di Macron alla Sorbona e sulla fondamentale finestra che si è aperta sul futuro dell’Europa; un’opportunità che i federalisti hanno il compito di cogliere, rendendo la loro azione ancora più incisiva anche in vista della Convenzione Nazionale prevista per la fine di gennaio 2018.

Successivamente sono intervenuti:

- Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna, dell'AICCRE e del CCRE
- Damiano Zoffoli, Europarlamentare del gruppo S&D
- Marco Piantini, Consigliere per gli Affari Europei del Presidente del Consiglio dei Ministri
- Francesca Lucchi, Assessore alla Sostenibilità ambientale ed Europa Comune di Cesena
- On. Marco Di Maio, Deputato PD
- On. Enzo Lattuca, Deputato PD
- Lia Montalti, Consigliere Regionale Emilia Romagna
- Valentina Ravaioli, Consigliere Regionale Emilia Romagna
- Manuela Rontini, Consigliere Regionale Emilia Romagna
- Jacopo Morrone, Segretario Nazionale Romagna Lega Nord
- On. Elio Palmizio, Coordinatore Regionale Forza Italia
- On. Sauro Turroni,
- Giulio Gherardo Starnini, Rappresentanza federazione Verdi Emilia Romagna
- Rappresentanza regionale P.R.I.
- Filippo Pieri, Segretario generale CISL area Romagna
- Graziano Urbinati, Responsabile Ufficio Europa CGIL Emilia-Romagna
- Marcello Borghetti, Segretario UIL Cesena
- Centurio Frignani, Segretario AICCRE Emilia Romagna
- Marco Capodaglio, A.M.I.
- Leonardo Cesaretti, Tesoriere C.I.M.E.
- On. Sandro Gozi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (in video)
- On. Cecile Kyenge, Europarlamentare (in video)

Il Centro regionale del Movimento Federalista Europeo è decisamente soddisfatto per il tenore degli interventi e per la larga partecipazione trasversale che vi è stata.

Tutti gli intervenuti, sotto diversi profili, hanno convenuto sulla necessità di cambiare questa Europa, sottolineando il ruolo federatore dell’Italia, e di renderla sempre più un’Unione Politica con maggiori competenze su materie come la Politica Estera e Migratoria, il Lavoro, il Welfare, l’Ambiente. Non è possibile dare conto di tutto quanto è stato detto. Emerge nel complesso un’interessante possibilità di collaborazione con ambienti tradizionalmente sensibili alle tematiche europee, come l’area politico culturale repubblicana e quella ambientalista nonché con le organizzazioni sindacali.

Come prevedibile, l’intervento più critico è arrivato dal Rappresentante della Lega Nord, il quale ha tuttavia attaccato l’UE esistente, contestando il ruolo che in essa ha l’Italia e manifestando una generica volontà di cambiarne le politiche senza però metterne in dubbio l’esistenza. La sua partecipazione mostra comunque come un dialogo con loro sia possibile e auspicabile.

Sul fronte dell’opposizione di centro destra va altresì segnalato l’intervento dell’on. Palmizio, coordinatore regionale di Forza Italia, il quale ha rimarcato l’adesione della sua formazione politica al PPE e il consenso per le iniziative di rafforzamento del processo di unificazione portate avanti da quel gruppo.

Si sottolinea, in particolare, come il Presidente della Regione Emilia – Romagna e i Consiglieri regionali presenti abbiano espresso grande soddisfazione per la collaborazione di questi due anni tra le Regione e il Centro Regionale MFE, collaborazione che sperano possa continuare e incrementare.

Inoltre gli esponenti del PD, in particolare l’on. Marco Di Maio che è intervenuto anche a nome della segreteria regionale, hanno espresso posizioni di apertura alle tematiche federaliste rispetto alle quali dovremo esercitare il nostro ruolo di sollecitatori e controllori.

Di tono più istituzionale l’intervento, svolto a chiusura del dibattito prima della replica di Luisa Trumellini, di Marco Piantini, che ci ha delineato un quadro molto chiaro della situazione europea.

Nell’intervento conclusivo, Luisa Trumellini ha ricordato l’importanza di un’azione federalista non solo durante le elezioni europee, ma anche in quelle nazionali. Per questo motivo, momenti di confronto come questi devono essere intensificati per far sì che anche durante le elezioni nazionali l’Europa e il suo futuro restino al centro del dibattito.

La mattinata è stata anche l’occasione per raccogliere nuove adesioni al nostro appello nazionale “Per un’Europa Federale – Le Responsabilità dell’Italia”.

Nello specifico hanno firmato:
Giulio Gherardo Stamini, Lia Montalti, Marco Piantini, Damiano Zoffoli, Elio Massimo Palmizio, Marco Di Maio, Sauro Turroni, Paolo Lucchi, Stefano Bonaccini, Valentina Ravaioli, Manuela Rontini.

Nel pomeriggio si è proseguito con i lavori interni del Centro regionale.

Nella sua relazione il segretario uscente Salvatore Aloisio, ha sottolineato la gestione collegiale ed unitaria del movimento regionale, che ha permesso di superare la divisione prodotta dal Congresso di Ancona.

Una gran parte del mandato è stata dedicata alla preparazione della mobilitazione per la Marcia sull’Europa, che ha permesso alla nostra regione di contraddistinguersi per partecipazione, sia di militanti che di coinvolgimento degli enti locali. Questo contesto ha rappresentato un importante momento di crescita e di ripresa dei rapporti con le forze politico sociali e gli enti territoriali. Ma soprattutto è stata l’occasione di una ritrovata unità sull’azione prima che sulla linea politica.

Una considerazione a parte, costellata da luci ed ombre, è rappresentata dalla formazione e dalla collaborazione con la GFE al fine di aumentare la presenza giovanile in regione.

E’ stato invece conseguito in maniera soddisfacente l’obiettivo di creare e far funzionare una pagina Facebook del Centro regionale.

In conclusione, ha riportato Aloisio, è possibile affermare che il Centro regionale ha raggiunto una serie di obiettivi importanti. Magari non tutti quelli prefissi e non tutti in modo pieno. Ciò nonostante si sono poste le premesse per intraprendere un cammino unitario, decisamente in crescita. E di questo adesso c’è bisogno, per contribuire al meglio alla battaglia in atto per la federazione europea.

In apertura della sessione plenaria, il candidato alla segreteria regionale, Marco Celli, ringraziando Salvatore Aloisio per l’ottimo lavoro svolto, ha presentato la mozione di politica generale, sottolineando la perfetta continuità tra la segreteria uscente ed entrante.

In particolare i punti principali su sui si concentreranno le attività del prossimo mandato saranno la continuazione del metodo di lavoro e dei rapporti con le forze politiche, gli enti locali, le associazioni, i movimenti della società civile (anche in vista dell’appuntamento nazionale del 27 gennaio 2018) e la formazione.

Anche oggi, ha sottolineato Celli, è stato svolto un ruolo importantissimo. Sono stati invitati i rappresentanti del governo, i referenti regionali dei principali partiti politici, gli eletti nelle circoscrizioni regionali, le forze sindacali e le associazioni e i movimenti della società civile. Svolgendo uno dei nostri compiti più importanti, quello di stimolare, provocare, criticare, stuzzicare le varie realtà con un unico obbiettivo, portarle dalla nostra parte, per condividere il nostro progetto. Serve l’impegno di tutti, di tutto il movimento. Serve l’impegno condiviso di MFE e GFE.

Rispetto al secondo tema, la formazione, si è sottolineata l’esigenza di ripetere l’esperienza del seminario di Castrocaro Terme. In questi anni ci sono stati alcuni tentativi, ma non sono stati in grado di dar vita ad un progetto continuativo e strutturato. Su questo tema, sarà molto importante la collaborazione con l’Istituto Paride Baccarini.

Inoltre, sul tema della formazione, risulta fondamentale proseguire con le tantissime collaborazioni già in essere tra le sezioni locali ed i vari Istituti scolastici. Scuola e formazione non devono riferirsi solo alla generazione Erasmus, solo a chi intraprende determinati percorsi di studio, ma a 360°. Sono tantissimi i mondi in cui il movimento può e deve essere presente.

Infine è stato espresso massimo sostegno alla nuova Campagna per la Federazione europea indetta dalla Segreteria nazionale, impegnandosi per una forte mobilitazione delle forze federaliste regionali in occasione della Convenzione nazionale del 27 gennaio a Roma.

In seguito sono intervenuti, portando il loro contributo al dibattito, Giancarlo Calzolari, Lamberto Zanetti, Alessandra Righini, Mario Barnabè, Pietro Caruso, Jacopo Di Cocco, Deanna Donatini, Fabio Casini, Angelo Morini, Paolo Orioli, Umberto De Lorenzo, Giovanni Melandri.

Sono stati presentati in totale 3 emendamenti, di cui 2 accolti con voto favorevole dai delegati ed uno ritirato prima della votazione. La mozione implementata dai nuovi contributi è stata successivamente approvata.

Il congresso prima di terminare i lavori, ha eletto all’unanimità Francesco Badia come delegato del Centro regionale al Comitato Centrale.

Successivamente si è riunito il nuovo Comitato Direttivo regionale, eleggendo all’unanimità, su proposta del candidato alla segreteria Marco Celli, il seguente organigramma regionale:
- Presidente: Sante Granelli
- Segretario: Marco Celli
- Vicepresidenti: Jacopo Di Cocco, Angelo Morini
- Vicesegretari: Mery De Martino, Francesco Violi
- Tesoriere: Catia Chierici
- Ufficio organizzazione: Catia Chierici
- Ufficio comunicazione e media: Mery De Martino
- Ufficio del dibattito: Jacopo di Cocco
- Responsabile progetto scuole: Maria Laura Moretti

I lavori sono terminati alle ore 18.00

Sulla pagina Facebook del Centro regionale Emilia-Romagna, è possibile visionare alcuni degli interventi mattutini. Altri saranno inseriti nei prossimi giorni.

Marco Celli
Segretario Regionale Centro regionale dell’Emilia-Romagna


Videomessaggio di Sandro Gozi >>>

Videomessaggio di Cecile Kyenge >>>

In tanti hanno firmato l'appello del MFE "Per un'Europa federale. Le responsabilità dell'Italia":

 

On. Marco Di Maio
Deputato PD

On. Elio Massimo Palmizio
Coordinatore regionale Forza Italia

On. Sauro Turroni
Federazione dei Verdi regionale

On. Damiano Zoffoli
MEP gruppo S&D


Marco Piantini
Consigliere per gli Affari Europei del Presidente del Consiglio dei Ministri

Stefano Bonaccini
Presidente Regione Emilia Romagna

Lia Montalti
Consigliere regionale PD

Valentina Ravaioli
Consigliere regionale PD

Paolo Lucchi
Sindaco di Cesena

Francesca Lucchi
Assessore alla Sostenibilità ambientale ed Europa Comune di Cesena

Giulio Gherardo Starnini
PRI regionale


 

 

 


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE