L'Unità Europea N. 2017/4 luglio-agosto

Leggilo on-line con

Scaricalo e leggilo in PDF

Sommario:
Editoriale / Il punto / Istituzioni Società Economia / Congresso GFE di Trento / UEF / Italia/Europa / Osservatorio federalista / Attività delle sezioni / Le sfide / In libreria

Leggi gli articoli on-line ...

 

L’azione criminale compiuta a Barcellona ci mostra ancora una volta come i singoli stati né l’UE non possono fornire una risposta efficace contro il terrorismo e che un governo federale rappresenta la condizione necessaria per poter definire una strategia efficace nell’area della sicurezza.

La vittoria di Macron ci offre un'ottima occasione per batterci, ma non ci dà alcuna garanzia sul successo finale. Per i federalisti italiani c'è un impegno specifico che riguarda il nostro Paese.

Il dibattito sulla dimensione sociale dell’Europa è tornato finalmente al centro dell’attenzione, ma senza la partecipazione dei cittadini sul pianio internazionale la discussione politica rischia di restare intrappolata in schemi del passato, che parlano di processi sociali e produttivi già finiti o in rapido cambiamento.

Le responsabilità dell’Italia, le responsabilità dell’UE e l’urgenza del governo federale europeo.

La soluzione futura del problema delle migrazioni dipende in larga misura dalla capacità dei paesi africani di rafforzare il proprio processo di crescita, ma tocca all'Europa fornire i capitali necessari per finanziare investimenti e formazione e assicurare al contempo condizioni di stabilità politica e di sicurezza.

Il minimo politico-istituzionale verso una difesa federale europea.

Nel quadro del progetto del Mercato Unico Digitale e della lotta al digital divide, il Parlamento europeo, il Consiglio dell'UE e la Commissione europea hanno raggiunto un accordo per l'installazione di punti Wi-Fi pubblici e liberi in tutta l'Unione europea.

Dopo le elezioni francesi e quelle tedesche il rilancio europeo deve poter contare anche su un’Italia che sia stabile politicamente e credibile sul lato della tenuta dei conti pubblici.

Nel luglio scorso Matteo Renzi ha affermato che chiunque sarà presidente del Consiglio prenderà in considerazione la sua proposta di superamento del fiscal compact e il ritorno ai parametri di Maastricht con il deficit al 2,9% per cinque anni...

La questione dei cantieri Saint Nazaire: se abbiamo soltanto una somma di due interessi nazionali, non costruiremo mai un progetto industriale europeo solido e ambizioso.


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE