L'Unità Europea N. 2016/6 novembre-dicembre

Leggilo on-line con

Scaricalo e leggilo in PDF

Sommario:
Il punto / In Europa, nel Mondo / Difesa europea / Società / Campagna per la Federazione europea: i Rapporti Bresso-Brok/Verhofstadt / Il futuro
dell’Unione / Economia / Attività delle sezioni / Osservatorio federalista / Democrazia e identità europea / Eventi
 

Leggi gli articoli on-line ...

 

Il terrorismo vede l’Europa come ventre molle degli equilibri mondiali e la colpisce nei suoi punti centrali: Parigi, Bruxelles, Berlino. Serve un forte shock popolare per mostrare che l’avanguardia del popolo europeo ha un progetto per dare risposte immediate alla crisi europea.

Con i rapporti Brok-Bresso, Verhofstadt e Beres-Boege il Parlamento Europeo rilancia il tema della riforma istituzionale dell'Unione Europea in vista del Consiglio Europeo previsto a Roma il 25 marzo.

La giornata del 4 dicembre 2016 sarà ricordata per due risultati elettorali che, pur indirizzati verso obiettivi politici nazionali diversi, avevano una platea comune: quella europea.

Pochi dubbi sembrano esserci per quanto riguarda le scelte del nuovo presidente per quanto riguarda la politica estera e i rapporti con gli alleati sia in Europa che in Asia.

La clausola imprescindibile della formazione di un sistema europeo di sicurezza integrata è lo sviluppo di istituzioni politiche federali, che raccolgano alcune funzioni nazionali gestendole in maniera autonoma e sovrana.

La proposta di Strategia Europea Globale di Federica Mogherini e le proposte di cooperazione strutturata permanente in materia di difesa, pur importanti, sono insufficienti senza l'Unione politica europea.

I nostri sistemi sanitari dovrebbero essere più efficaci e più accessibili, ma per il Trattato di Lisbona la responsabilità primaria per la tutela della salute rimane degli Stati membri.

A Marrakech si è riunita dal 7 al 18 novembre 2016 la COP22 sul clima, la prima convocata dopo la storica firma dell’Accordo di Parigi sul Clima...

La Commissione Affari costituzionali del Parlamento Europeo ha approvato il Rapporto Bresso-Brok diretto a chiedere le riforme dell'Unione Europea possibili sulla base degli attuali Trattati e il più ambizioso Rapporto Verhofstadt che chiede invece di modificarli, per dare all’Eurozona istituzioni federali in campo economico.

La crisi della globalizzazione e il rischio delll'affermarsi di una nuova visione nazionalista e protezionista a livello globale stanno costringendo gli europei a ripensare l'organizzazione della cooperazione in Europa.

Per iniziativa  della Fondazione Triffin e della Fondazione Agnelli, Il 26 novembre scorso si è tenuto a Torino il Convegno in cui è stato presentato il paper della RTI Using the SDRs as a lever to reform the international monetary system.

L’Unione Europea fa già un ampio novero di politiche industriali. Per esserre effficaci tali politiche dovranno fare un salto di qualità, basandosi su risorse proprie, ma anche un salto di quantità.

Crisi della democrazia, identità europea e rilancio del processo europeo dopo la vittoria di Donald Trump.


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE