L'Unità Europea N. 2017/6 novembre-dicembre

Leggilo on-line con

Scaricalo e leggilo in PDF

Sommario:
Il punto / Difesa Europea / Riforma Eurozona / Il Piano Juncker due anni dopo / Pilastro Sociale Europeo / Campagna per
la Federazione Europea / Cultura / Osservatorio federalista / Attività delle sezioni / La via della Seta / In Libreria

Leggi gli articoli on-line ...

 

Il mese di Dicembre 2017 ci ha offerto tre importanti fatti che vanno tutti nella direzione di un avanzamento del processo di unificazione europea e dei quali diamo conto in questo numero del giornale.

Gli ultimi avvenimenti europei testimoniano che la battaglia federalista gode in questo momento del favore degli dei. Tocca ora all'Italia mettere insieme tutte le forze politiche, economiche e sociali che sentono la responsabilità che grava su di loro in questo momento così decisivo della storia italiana ed europea.

Il 2016 è stato un anno di grande confusione per i cittadini, ma il sondaggio dell'anno che si è appena chiuso suggerisce un momento di rimescolamento dell'opinione pubblica, una trasformazione del sistema di credenze riguardante la cosa pubblica europea, una fase di transizione che fa sperare in una ripresa del consenso per l'unità euorpa.

La Commissione Europea ha reso pubblico l’atteso “pacchetto” di proposte sul completamento dell’unione economica e monetaria. Saranno in grado di rovesciare le aspettative negative di imprese e cittadini nei confronti della capacità dell’Europa di risolvere, piuttosto che di generare, i loro problemi più pressanti?

A poco più di due anni dal lancio, i risultati del Piano sono in linea con le previsioni. Il Parlamento Europeo e i Governi stanno apprerzzando i risultati prodotti, l’effettiva mobilizzazione degli investitori privati e dei contributi provenienti dagli Stati Membri.

Il colosso europeo nato dall'acquisto dei cantieri navali di St-Nazair da farte di Fincantieri andrà ad abbracciare diversi settori, dal campo dei satelliti a quello militare, al progetto del futuro drone europeo MALE2025.

L’avanzamento del processo di unificazione europea sul terreno della difesa è fondamentale per fare passi avanti verso un’unione federale, per questo la cooperazione strutturata permanente nel settore della difesa, anche se non è ancora la difesa europea, è certamente un passo avanti importante nella giusta direzione.

Joint Declaration sul pilastro sociale europeo afferma con una certa solennità che non vi può essere un rilancio del progetto europeo senza rimettere mano, con determinazione e chiarezza, al capitolo sociale dell’Unione in modo che ai cittadini europei siano offerte tutele idonee in ordine a diritti fondamentali.

La Gioventù federalista europea presenta la campagna che sta portando avanti attraverso l'Italia per avvicinare e ascoltare i cittadini e coinvolgerli nei progetti dei federalisti europei.

 

Per dialogare con i cittadini, le associazioni, i centri d’interessi culturali e sociali,per contrastare i luoghi comuni del populismo, del sovranismo e del nazionalismo, per far crescere la consapevolezza di essere popolo europeo in marcia verso l’unità.
Frammenti di un discorso federalista.

Ripercorriamo brevemente la storia delle convenzioni che hanno segnato alcuni dei momenti più importanti del processo di integrazione in Europa e di cui si è tornato a parlare dopo che il presidente francese Macron ha proposto di far tenere in ogni paese dell’Unione delle “Convenzioni” in preparazione di una riforma dei trattati europei.

 
Nell’era dell’interdipendenza globale la sovranità non si recupera a livello regionale o cittadino. L’articolo che segue costituisce la premessa di un contributo al dibattito che seguirà nei prossimi numeri del giornale.
 
 

Dopo decenni di crescita economica la Cina si trova in una fase cruciale del suo sviluppo economico e sociale. La Via della Seta rappresenta la più tangibile espressione della sua volontà a proseguire nel processo di apertura al mondo.


Visualizza la mappa delle sezioni MFE Visualizza l'agenda MFE