A livello di Segreteria Nazionale esiste un Team di comunicazione con l’obiettivo di strutturare, coordinare e diffondere i messaggi politici di volta in volta approvati dagli organi del Movimento.

La proibizione di ogni riunione e attività sociale causata dalla pandemia di Covid-19 ha rappresentato la “buona occasione” per far compiere un salto di qualità nella comunicazione online e social dell’MFE, un trend che ha coinvolto tutti i livelli dell’organizzazione.

Nei 4 mesi (marzo, aprile, maggio, giugno) di misure anti-Covid 19, si è sviluppata un’intensa attività che ha visto il coinvolgimento di decine di militanti nuovi e con lo sviluppo di una chiara strategia delle azioni e degli strumenti d’azione.

Il primo passo è stata la costituzione di un Team “tecnico” per la comunicazione, costituita esclusivamente da militanti del MFE, dotati di competenze specifiche in ambito di design, montaggio video, campagne social marketing, e posta sotto la supervisione e direzione della Segreteria nazionale MFE. Lo scopo del Team tecnico è sviluppare delineare campagne, creare contenuti audio-visuali, adattarli a ciascuno mezzo comunicativo in cui l’MFE è presente: sito web, Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e LinkedIn.

Il secondo passaggio è stato definire le priorità comunicative, una serie di bussola per definire al meglio ogni singola campagna di comunicativa:

  • Finalità ultime: creare consenso politico su una proposta che porta ad un unico evento rivoluzionario: un Patto costituzionale tra Paesi Europei;
  • target della comunicazione:
    1. classe politica: agire sulla classe politica, in particolar modo nazionale ed europea, e prepararla all’azione costituente;
    2. opinione pubblica: creare informazione, analisi e interpretazione sull’assenza dell’Europa; motivare la necessità della Federazione Europea (azione di media advocacy), orientarla verso la classe politica favorevole all’azione politica costituente.
  • definizione dei punti di forza e debolezza, da esaltare o prevenire:
    1. punti di forza: storia, forza dell’analisi, forza dei valori, azione sul territorio, lavoro volontario;
    2. punti di debolezza: rischio percezione autoreferenzialità, rischio percezione dell’assenza di azione a livello nazionale e locale, demotivazione dal mancato ottenimento di risultati tangibili; per ogni punto di debolezza è stato individuata una risposta per ridunre gli effetti;
  • caratteristiche del messaggio: il target così definito deve percepire un messaggio politico con queste caratteristiche per essere credibile:
    1. il pubblico deve percepire un messaggio politico «rivoluzionario»: il target deve percepire nella comunicazione che il messaggio politico riguarda un obiettivo mai raggiunto ancora e che genererà un cambiamento radicale;
    2. il messaggio politico ha solide fondamenta teoriche: ogni affermazione è supportata da una rigorosa analisi teorica e scientifica confermata da dati raccolti;
    3. un movimento dal «basso» e coinvolgente: il target deve percepire che il messaggio politico è lanciato da un’organizzazione locale, volontaria e che è inclusiva;

Il terzo passaggio è stato definire gli strumenti da utilizzare nelle campagne di comunicazione:

  • Comunicazione di messaggi politici con nuove modalità emozionali e partecipative: grazie al Team tecnico ogni azione dell’MFE viene comunicata al pubblico con campagne audio-visuali:
    1. Messaggi politici con video emozionali: il video consente di arrivare ad un pubblico più vasto nei social network (gli algoritmi dei social network favoriscono la diffusione dei video rispetto a contenuti statici) e consentono di introdurre un messaggio complesso e analitico con strumenti che attraggono e mantengono l’attenzione degli utenti;
    2. Azioni social-partecipative:
      1. l’auto-intervista e l’auto-ritratto (il c.d. selfie) pubblicato sui social network sono nuove modalità di comunicare messaggi anche complessi e slogan “mettendoci la faccia”. La persona intervistata o ritratta non solo partecipa ad una campagna politica ma anche contribuisce alla sua diffusione nei social network in cui è attiva. Questo strumento è particolarmente efficace con la classe politica, più sensibile a generare pubblicità alla persona su un messaggio politico condiviso;
      2. Citazioni da personaggi autorevoli (c.d. cards): riprendere citazioni di personalità particolarmente autorevoli e/o notorie contribuisce al rafforzamento della credibilità del messaggio politico lanciato. Pertanto vengono realizzate cards (in caso la citazione sia contenuta in una sola immagine oppure un carosello di immagini nel caso siano più d’una);
    3. Relazioni delle assemblee nazionali ed eventi aperti al pubblico: le riunioni sono diventate telematiche -dalle riunioni di sezioni, a quelle dei Centri regionali fino al Comitato Centrale e Direzioni nazionali aperte- così come gli eventi aperti al pubblico organizzati sia dalle sezioni locali che dal nazionale. Le riunioni come gli eventi si svolgono su piattaforme online -l’ormai celebre Zoom che consente di essere visibile su Facebook-, per poi essere registrate e ripubblicate.
  • Comunicazione coordinata e diffusa: l’ultimo obiettivo è rafforzare la diffusione dei contenuti così creati. All’interno del Team Comunicazione è stato rafforzato un gruppo specializzato solo nella diffusione dei contenuti solo sui canali social più utilizzati, contribuendo alla visibilità dei messaggi e ad evitare l’uso di risorse per “sponsorizzare” i contenuti.

In conclusione, l’MFE ha superato la prova “nell’ora più buia” in cui abbiamo vissuto: le azioni intraprese hanno raggiunto un’ampia fetta di opinione pubblica e contribuito a generare consapevolezza dei problemi e delle risposte, generando quella sana pressione in grado di pressare la classe politica ad agire nella direzione indicata dal Movimento Federalista.
 

NOME DELLE AZIONI

STRUMENTI

 

ENTITÀ

PUBBLICO COINVOLTO

(in termini di visualizzazioni e partecipazione)

 

Video di presentazione emozionale

Azione social-partecipative

Evento online (nazionale)

Direzione nazionale 04.04.2020

(evento interno, pubblicazione delle relazioni introduttive)

   

2 video

Ca. 200

Azione “Per un’Europa comunità di destino”

4 video

 

25 cards

 

 

Ca. 18.000

Memorandum al Governo italiano

 

1 video

   

Ca. 80.000

25 aprile – La resistenza non è finita

 

2 video

 

1 evento

Ca. 10.000

9 maggio – 70° anniversario della Dichiarazione Schuman

1 video

 

100 video raccolti da politici

1 evento online

Ca. 25.000

Direzione nazionale 25.05.2020

(evento interno, pubblicazione delle relazioni introduttive)

   

2 video relazioni

Ca. 200

Azione sul Parlamento Europeo – Lettera UEF alla Commissione AFCO

2 video

   

Ca. 10.000

Comitato federale 20.06.2020

(evento interno, pubblicazione delle relazioni introduttive)

   

3 video

Ca. 300

Azione Appello UNA RIPARTENZA PER L’EUROPA – Campagna social -hashtag #iMillexEuropaFederale (in corso)

3 video

1 video finale

(9 luglio)

45 selfie

(in corso)

1 evento online

 

Ca. 30.000

(in corso)