L'Unità Europea N. 2016/6 novembre-dicembre

Leggi gli articoli on-line >>


Edizione a stampa

Leggilo on-line con

Scaricalo e leggilo in PDF

Sommario:
Il punto / In Europa, nel Mondo / Difesa europea / Società / Campagna per la Federazione europea: i Rapporti Bresso-Brok/Verhofstadt / Il futuro
dell’Unione / Economia / Attività delle sezioni / Osservatorio federalista / Democrazia e identità europea / Eventi

 

Il terrorismo vede l’Europa come ventre molle degli equilibri mondiali e la colpisce nei suoi punti centrali: Parigi, Bruxelles, Berlino. Serve un forte shock popolare per mostrare che l’avanguardia del popolo europeo ha un progetto per dare risposte immediate alla crisi europea.

Con i rapporti Brok-Bresso, Verhofstadt e Beres-Boege il Parlamento Europeo rilancia il tema della riforma istituzionale dell'Unione Europea in vista del Consiglio Europeo previsto a Roma il 25 marzo.

La giornata del 4 dicembre 2016 sarà ricordata per due risultati elettorali che, pur indirizzati verso obiettivi politici nazionali diversi, avevano una platea comune: quella europea.

Pochi dubbi sembrano esserci per quanto riguarda le scelte del nuovo presidente per quanto riguarda la politica estera e i rapporti con gli alleati sia in Europa che in Asia.

 

La clausola imprescindibile della formazione di un sistema europeo di sicurezza integrata è lo sviluppo di istituzioni politiche federali, che raccolgano alcune funzioni nazionali gestendole in maniera autonoma e sovrana.

Il patriota europeo ama l’Europa, ma di quale Europa si tratta? Nel bel mezzo di un degrado progressivo dell’Unione europea sotto i colpi della crisi, è più importante che mai risolvere la questione dell’identità europea. Chi è questo patriota europeo, e come può nascere?

Crisi della democrazia, identità europea e rilancio del processo europeo dopo la vittoria di Donald Trump.

 

La Commissione Affari costituzionali del Parlamento Europeo ha approvato il Rapporto Bresso-Brok diretto a chiedere le riforme dell'Unione Europea possibili sulla base degli attuali Trattati e il più ambizioso Rapporto Verhofstadt che chiede invece di modificarli, per dare all’Eurozona istituzioni federali in campo economico.

La crisi della globalizzazione e il rischio delll'affermarsi di una nuova visione nazionalista e protezionista a livello globale stanno costringendo gli europei a ripensare l'organizzazione della cooperazione in Europa.

Per iniziativa  della Fondazione Triffin e della Fondazione Agnelli, Il 26 novembre scorso si è tenuto a Torino il Convegno in cui è stato presentato il paper della RTI Using the SDRs as a lever to reform the international monetary system.