L'Unità Europea N. 2021/3 maggio-giugno

 

Leggi gli articoli on-line >>

 

Edizione a stampa

Sommario >>

 

Leggilo on-line con
Scaricalo e leggilo in PDF

 

 

 

 

In questa seconda metà dell'anno i federalisti sono impegnati ad aggiornare le linee d’azione per sostenere la realizzazione degli obiettivi istituzionali, sia a livello nazionale (MFE, a Vicenza dal 22 al 24 ottobre), sia europeo (UEF, il 3 e 4 luglio), sia universale (WFM, dal 14 al 17 luglio).

Con la vittoria di Biden l'aria è sicuramente cambiata, ma non resta meno vero che si tende a guardare al futuro con le categorie del passato, dimenticando che i contesti sono però completamente mutati.

Nei momenti storici di grande cambiamento, se le comunità vogliono governare i nuovi processi ed evitare di cadere in un declino irreversibile, devono saper adattare le loro istituzioni...

Il ruolo e i compiti dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECE).

Alcuni passi del discorso  del presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla Sorbona, lo scorso 5 luglio.
 

Il tema della riunione, che si è tenuta l’8 giugno a Firenze presso l’Hotel Adriatico, è stato “La sfida della transizione digitale per l’Europa. Sviluppo tecnologico e competenze, risorse, poteri, controllo democratico”.

Un resoconto delle relazioni del Presidente e del Segretario e degli altri temi all'ordine del giorno della riunione. 

Rassegna degli strumenti, proposte politiche ed eventi realizzati dall’MFE per la Conferenza sul futuro dell’Europa.

Il 3-4 luglio si è svolto a Valencia il XXVII Congresso europeo dell’UEF, un momento atteso e importante sia sul piano organizzativo che politico. È stata anche l’occasione per festeggiare i 75 anni dalla fondazione.

Un budget europeo finanziato da risorse proprie è il prerequisito per poter programmare dei piani di investimento nelle infrastrutture che siano veramente europei.

Nell’anno della Conferenza sul futuro dell’Europa è di fondamentale importanza capire quali sono i partiti che influenzeranno la politica della Germania dopo il ritiro preannunciato di Angela Merkel.

Nonostante i buoni propositi di collaborazione e dialogo si deve sempre rimarcare la mancanza di una visione unica e coraggiosa da parte dei Paesi dell’Unione europea che si potrebbe avere solo con una vera politica estera comune.

Lavorare per la piena federalizzazione dell’UE è necessario per rendere possibile il contributo decisivo europeo alla soluzione di un tragico conflitto che rischia di far compiere, non solo al MO, ma a tutto il pianeta un altro passo verso la catastrofe.

Con il Settlement Scheme il "divorzio" tra Regno Unito ed Unione Europea fa sentire il suo peso sulla vita dei singoli in tutta Europa.

Riportiamo alcuni brani significativi degli interventi di Anna Echterhoff, Sandro Gozi e Brando Benifei.