L'Unità Europea N. 2021/4 luglio-agosto

 

Leggi gli articoli on-line >>

 

Edizione a stampa

Sommario >>

 

Leggilo on-line con
Scaricalo e leggilo in PDF

 

 

 

 

Indirizzo di saluto del Presidente dell’Istituto Spinelli Giorgio Anselmi in occasione del Colloquio del Capo dello Stato coi partecipanti al 40° Seminario di Ventotene

Lo scorso 29 agosto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha risposto ad alcune domande di giovani partecipanti al 40° seminario per la formazione federalista europea in occasione dell’80° anniversario del Manifesto di Ventotene.

Articolo pubblicato su La Repubblica il 26 agosto 2021.
 

L’Europa a 80 anni dal Manifesto di Ventotene e l’occasione della Conferenza sul futuro dell’Europa.

Il ritorno al potere dei Talebani, dopo il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, segna la fine di un’epoca nelle relazioni internazionali e apre la strada alla definizione di un nuovo ordine mondiale dal tratto ancora ignoto.

Nulla garantisce che i passi in avanti realizzati con il Next Generation EU e il debito comune europeo diventino strumenti permanenti se non fossero a termine consolidati in una riforma dei Trattati in vigore, ma per questo occorre mettere mano ad una vera e propria riforma costituente dell’Unione europea.

Noi davanti a sfide storiche: saranno Draghi e Macron a doversi assumere il ruolo di leadership nell’era post-Merkel. Intervista a Sandro Gozi.

Scopo degli incontri è il coinvolgimento di diverse associazioni giovanili per promuovere la Conferenza sul futuro dell’Europa nella società civile giovanile.

Il 3 agosto si è svolto un incontro che ha visto riuniti i membri della delegazione italiana nella Plenaria della Conferenza sul futuro dell’Europa e alcuni esponenti dell’Intergruppo parlamentare per l’Europa di Camera e Senato, insieme ad esponenti del Parlamento italiano e a membri del Movimento Federalista Europeo.

Domenica 18 luglio si è tenuta a Benevento una riunione del Comitato Federale della GFE.

Il seminario è coinciso con l'80° anniversario della redazione del Manifesto di Ventotene e ha visto la presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, di Josep Borrell, Guy Verhofstadt, Fabio Massimo Castaldo, Sandro Gozi, Brando Benifei.

L'Europa deve usare l'occasione della Conferenza sul futuro dell'Europa per cambiare e potersi assumere le proprie responsabilità. Comunicato stampa del MFE.

Dopo aver dovuto rinunciare l'anno scorso a causa della pandemia, il seminario è ripreso quest'anno grazie alla rete di collaborazioni instaurate negli ultimi decenni con organizzazioni europeiste ed istituzioni scolastiche e dell'amministrazione pubblica presenti sul territorio.

La NATO è stata inclusa da alcuni analisti politici nel generale fallimento dell’intervento occidentale in Afghanistan. Resta però il fatto che l’unico alleato degli USA che poteva mettere in campo risorse militari sufficienti era l’UE, ma questa è clamorosamente mancata.

Articolo pubblicato sul Sole 24 Ore il 2 settembre 2021.
 

Il Recovery Plan deve diventare strutturale perché la lotta contro il cambiamento climatico ha bisogno di istituzioni europee autonome dai governi nazionali. Il primo passo realmente concreto dovrà essere compiuto nella Conferenza sul futuro dell’Europa.

“Spesso il voto a maggioranza viene visto come il deus ex machina che realizzerebbe il salto federale. Niente di più falso. Di fatto non è abolendo il veto che si fa lo Stato federale, ma è facendo lo Stato federale che si abolisce il veto.”

I ritardi e le ambizioni dell'Unione Europea in un settore critico per l'autonomia dell'Europa e la competizione globale.

Articolo pubblicato sul Sole 24 Ore il 31 agosto 2021.

Gli autori presentano il nuovo saggio "Europa oltre le regole", appena pubblicato da Guida con la prefazione di Paolo Gentiloni.

Il libro si propone di offrire ai tecnici e agli esperti del settore ma anche al grande pubblico degli studiosi della materia e dei curiosi il miglior armamentario possibile per affrontare un «round negoziale».

Parlando con i giovani a Ventotene il Capo dello Stato ha ripercorso le tappe fondamentali del processo di integrazione europea per esprimere le sue convinzioni europeiste più profonde.