L'Unione dei Federalisti Europei accoglie con favore la decisione di attribuire all'Ucraina e alla Moldavia lo status di candidati e rilancia in parallelo il tema dell'approfondimento della nostra integrazione politica.

 

Bruxelles, 24/06/2022 

Mentre i leader europei si sono riuniti a Bruxelles il 23 e 24 luglio per discutere della guerra in Ucraina, delle domande di adesione di Ucraina, Moldavia e Georgia e del seguito della Conferenza sul futuro dell'Europa (CoFoE), l'Unione dei Federalisti Europei (UEF) chiede ai capi di Stato e di governo un'azione immediata per dare maggiori poteri all'Europa. 

L'UEF accoglie con favore la candidatura dell'Ucraina e della Moldavia all'UE. La decisione dei leader europei di concedere lo status di candidato a questi due Paesi dell'Europa orientale è una decisione storica che segnerà il destino della nostra comunità europea. 

Tuttavia, i federalisti ritengono che l'allargamento debba andare di pari passo con una maggiore integrazione. È ora urgente riformare le regole di funzionamento dell'Unione europea. Chiediamo che la recente decisione del Parlamento europeo di avviare la revisione dei trattati sia seguita da una decisione analoga del Consiglio Europeo. 

La revisione dei trattati permetterà di realizzare importanti riforme nella nostra Unione. In particolare, l'UEF chiede che:

  • poteri di bilancio all'Unione europea e il riconoscimento dei "pieni diritti co-legislativi del Parlamento sul bilancio dell'UE";
  • il passaggio dalla regola dell'unanimità al voto a maggioranza qualificata, incluso nei settori quali le sanzioni, le clausole "passerella" e le emergenze;
  • un rafforzamento dei poteri dell'Unione, soprattutto in materia di salute, difesa e politiche sociali ed economiche. 

Sandro Gozi, Presidente dell'UEF, ha dichiarato: "Il 9 maggio le tre istituzioni si sono assunte l'impegno solenne di tradurre in azioni concrete le proposte avanzate nel contesto della Conferenza. Se è vero che molto può essere fatto nell'ambito dei Trattati esistenti, è necessaria una riforma più profonda dell'UE. La recente crisi ha evidenziato la necessità di creare nuove competenze nei settori della salute, dell'energia e della politica estera per evitare di ripetere gli errori del passato. Il Parlamento europeo ha mantenuto questa promessa avviando la procedura di revisione del Trattato. Ora, il Consiglio deve dimostrare lo stesso grado di ambizione al più presto, senza tabù!". 

Due settimane fa, un voto del Parlamento europeo ha approvato i risultati della CoFoE e ha invitato il Consiglio ad avviare il processo di revisione dei Trattati UE. 

Prendiamo atto della posizione odierna dei leader europei e ci auguriamo che i risultati del CoFoE vengano discussi al più presto. L'approfondimento delle nostre istituzioni non può aspettare. È l'unico modo per l'Europa di rispondere all'attuale crisi energetica, economica, sociale e geopolitica. 

I federalisti europei continueranno a sostenere a livello europeo e a livello nazionale nei diversi Paesi, le raccomandazioni della CoFoE e la convocazione di una Convenzione per la riforma dei Trattati.

 

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). E' possibile scegliere se consentire o meno i cookie. In caso di rifiuto, alcune funzionalità potrebbero non essere utilizzabili. Maggiori informazioni