Con oggi inizia un lungo cammino per rispondere alle richieste dei cittadini e costruire un futuro più solido dell'Unione europea.
Il Movimento federalista Europeo, con l’Unione dei Federalisti Europei, sostiene con forza le proposte di modifica dei Trattati avanzate dal Parlamento europeo.
Nei giorni scorsi i federalisti hanno lanciato una campagna capillare di sensibilizzazione per incoraggiare l'impegno dei cittadini e fare pressione sugli eurodeputati in vista del voto in plenaria al Parlamento europeo.


Pavia-Firenze, 22 novembre 2023

Oggi, mercoledì 22 novembre, il Parlamento europeo ha approvato il Rapporto sulle proposte del Parlamento europeo per la modifica dei Trattati redatta dai membri del Gruppo Spinelli Guy Verhofstadt, Sven Simon, Gabriele Bischoff, Daniel Freund e Helmut Scholz. 

Si è trattato di un voto storico, che vede il Parlamento europeo tornare a svolgere un ruolo di primo piano dopo quarant'anni, dal Progetto di Trattato ispirato da Altiero Spinelli, nel tentativo di rafforzare l'architettura politica e decisionale dell'Europa per renderla protagonista delle sfide del suo tempo. 

Oggi il voto cade in un momento politico drammatico a livello internazionale, e mentre è in corso un processo di profonda trasformazione delle nostre società. Tutto questo ci impone di agire uniti come europei, di rafforzare la nostra casa comune perché sia più efficace e al tempo stesso più capace di dare risposte ai bisogni dei cittadini. 

A sostegno di questa coraggiosa iniziativa del Parlamento europeo, che è in linea con gli impegni presi dalle istituzioni europee al termine della Conferenza sul futuro dell'Europa, l'Unione dei Federalisti Europei (UEF) e le sue sezioni in tutta Europa hanno incontrato i cittadini in più di 30 città europee e online per informarli sul voto cruciale di mercoledì. 

Dal 6 al 19 novembre 2023, i federalisti hanno organizzato manifestazioni e dibattiti, nelle strade e sui social media. Per saperne di più sulle nostre azioni, vi invitiamo a visitare il sito web dell'UEF e a guardare il livestream di lunedì 20 novembre, con gli organizzatori di queste azioni locali. Vi invitiamo anche a guardare l'azione fotografica all'interno del Parlamento europeo a Strasburgo, martedì 21 novembre. 

Il Presidente dell'UEF Domènec Ruiz Devesa nella giornata di maretdì ha inviato una lettera insieme al Presidente del Gruppo Spinelli, l'eurodeputato Sandro Gozi, ai loro colleghi del Parlamento europeo, affermando che: "Un voto a favore mercoledì 22 novembre sul Rapporto sulle proposte del Parlamento europeo per la modifica dei Trattati è esattamente la risposta di cui la nostra Unione e i cittadini hanno bisogno. Spero che insieme, come rappresentanti dei cittadini europei, otterremo un'ampia maggioranza nel voto in plenaria, inviando un chiaro messaggio al Consiglio e sollecitandone la trasmissione al Consiglio europeo sotto la Presidenza spagnola. Avremo così l'opportunità di discutere le priorità dei cittadini per un'Unione europea più efficace già nella riunione del Consiglio europeo del 15 dicembre 2023". 

L'UEF esorta ora la Presidenza spagnola dell'Unione europea a trasmettere immediatamente il dossier al Consiglio dell'Unione Europea e chiede a Charles Michel, in qualità di Presidente del Consiglio europeo, di inserire la decisione sulla richiesta di una Convenzione nell'ordine del giorno della riunione del 15 dicembre.


Il contesto

L'Unione dei Federalisti Europei (UEF) è un'organizzazione politica non governativa paneuropea che si dedica alla promozione dell'unità politica europea.
Il progetto di relazione sulla modifica dei trattati è la risposta del Parlamento europeo alla Conferenza sul futuro dell'Europa, un esercizio democratico senza precedenti che ha riunito 800 cittadini europei. Questi cittadini hanno formulato raccomandazioni per le riforme istituzionali dell'Unione europea e molte di esse sono confluite nella relazione votata oggi.
Il voto di oggi è l'ultimo passo per richiedere formalmente una Convenzione per la riforma del Trattato, ma è solo l'inizio del processo di riforma.


Photo-action organizzata dall'UEF al Parlamento Europeo di Strasburgo il 21-11-2023
Photo-action organizzata dall'UEF al Parlamento Europeo di Strasburgo il 21-11-2023