Si è svolta oggi la presentazione dei risultati del Datathon, una competizione aperta a chiunque in Europa volesse partecipare all'analisi dei contributi inviati dai cittadini alla Piattaforma digitale della Conferenza sul futuro dell'Europa.
Alla gara hanno preso parte 
21 squadre di 20 diverse nazionalità, delle quali 11 sono arrivate in fondo alla sfida presentando un contributo entro i termini previsti. Di queste, 7 sono state selezionate per una presentazione durante l'evento finale, tra cui la squadra composta da un gruppo di militanti del Movimento federalista europeo.

La presentazione dei risultati del Dataton è iniziata con il saluto di Dubravka Suica, vice presidente della Commissione europea (qui il suo tweet sull'evento), seguito dagli interventi di Suzanne Hoeke del segretariato della COFE e di Paulo Rosa del Joint Research Centre della Commissione, che ha spiegato gli obiettivi dell'iniziativa, e dalle presentazioni dei sette lavori selezionati, che saranno pubblicate sulla piattaforma della COFE (https://futureu.europa.eu/).

Il gruppo dei militanti MFE ha preso in esame le relazioni tra le proposte caricate sulla piattaforma e gli eventi organizzati per discuterle e supportarle. Attraverso l'analisi dei testi è stato così possibile suddividere le proposte in gruppi omogenei e individuare quali idee sono state più dibattute negli eventi organizzati a livello locale. Dall'analisi è risultato che alcune delle proposte del gruppo "Democrazia europea" sono tra quelle che hanno avuto, oltre al maggior numero di sostenitori sulla piattaforma, il maggior numero di eventi associati e il maggior numero di partecipanti agli eventi, in particolare le seguenti:

  • trasformare l'UE in una vera Federazione europea;
  • attribuire il potere fiscale e di bilancio all'UE;
  • convocazione di un'assemblea costituente;
  • rafforzare la democrazia europea dando piena iniziativa legislativa al Parlamento europeo;
  • superare il sistema di voto all'unanimità in Consiglio;
  • modificare il processo di nomina del Presidente della Commissione e l'elezione del Parlamento europeo;
  • passare ad un sistema bicamerale con la trasformazione del Consiglio in una seconda camera ed un effettivo governo europeo.

Si tratta quindi di un segnale importante inviato dai cittadini europei ai partecipanti alla seduta plenaria che concluderà la Conferenza e al Comitato esecutivo che preparerà il report finale da sottoporre alle istituzioni europee.

A questo proposito, il Movimento Federalista Europeo europei sta portando avanti in questi giorni una petizione europea per chiedere che le proposte di riforma dei Trattati formulate dai federalisti sulla piattaforma digitale siano fatte proprie dalla Conferenza dando loro il giusto spazio nei documenti finali. Vi invitiamo pertanto a firmare la petizione su Change.org all'indirizzo www.mfe.it/petizione.

Le presentazioni dei contributi selezionati sono disponibili sul sito della Conferenza su futuro dell'Europa. Qui trovate quella del team di militanti del MFE.

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). E' possibile scegliere se consentire o meno i cookie. In caso di rifiuto, alcune funzionalità potrebbero non essere utilizzabili. Maggiori informazioni