L'Unità Europea N. 2022/1 gennaio/febbraio

 

Leggi gli articoli on-line >> 

 

Sfoglialo con 

 

Scaricalo e leggilo in  PDF

 

La guerra è  tornata in Europa. La posta in gioco in questo momento, insieme al destino del popolo ucraino, è la nostra unità e libertà di Europei. il tempo della debolezza e della irresolutezza europea deve finire; è indispensabile cementare subito la nostra Unione con un salto politico federale.

Ripercorriamo il difficile cammino dell’Ucraina: dalla nascita al giorno dell’invasione russa.

La crisi in Ucraina deciderà l’assetto geopolitico di Russia e Stati Uniti in Europa orientale. Mentre il futuro del Paese più povero d’Europa dipende dalla soluzione che troveranno le due potenze, Cina e Unione Europea rimangono a guardare: la prima in attesa di fare la sua mossa su Taiwan, la seconda perché è l’unica cosa che può fare.

L’invasione dell’Ucraina è un punto di svolta negli equilibri e nelle relazioni internazionali. Un punto di non ritorno che svela tutte le fragilità di questa Europa, la sua inconsistenza in politica estera e di difesa di cui poco a poco prende finalmente coscienza.

Insieme alle incombenze e ai dossier della presidenza di turno del Consiglio dell’UE e alla campagna per le elezioni presidenziali, Macron si trova a dover gestire in prima linea la drammatica guerra in Ucraina e la chiusura della prima fase della Conferenza sul futuro dell’Europa, che può innescare il salto politico per realizzare l’unità federale.

Le variabili che hanno condotto alla riconferma di Mattarella e alla permanenza di Draghi a Palazzo Chigi.

Il ricordo di David Sassoli, una persona capace di far vivere i propri valori nell’azione quotidiana, senza mai risparmiarsi, fino all’ultimo istante.

La posta in gioco dietro lo scontro tra Corte di Giustizia e Polonia.

La Brexit è stata un successo? I dati dicono di no e persino un rapporto del parlamento britannico conferma l’andamento negativo, ma i Leavers restano sulle loro posizioni.

Dovremmo concentrarci sul come costruire accanto alla sovranità monetaria, anche quella in materia di politiche economica, fiscale, energetica, estera, della sicurezza e della difesa, cioè l’unione politica. Le crisi di questi anni e di questi giorni mostrano l’urgenza della Federazione europea.