La caduta del Governo Draghi ha provocato un danno gravissimo all’Italia, che si ritrova più fragile e in preda all’incertezza.

Per questo è importante che anche le forze che si sono assunte la responsabilità di interrompere in anticipo la legislatura in un momento storico così complesso e pericoloso riconoscano pubblicamente che le emergenze che avevano portato quasi tutte le forze politiche presenti in Parlamento a stringere un patto per dar vita ad un governo di unità nazionale sono ben lungi dall’essere esaurite e dal non costituire più un pericolo drammatico. In particolare, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, ha aggravato pesantemente il quadro economico e ha aperto una nuova sfida che investe la capacità del nostro Paese di mantenersi coerentemente impegnato nella difesa della democrazia e della libertà.

L’agenda ricordata da Draghi nel suo discorso in Senato il 20 luglio, con:

  1. gli impegni del PNRR e i tempi serrati per attuare gli investimenti e le riforme;
  2. l’agenda sociale, le sue emergenze e gli interventi strutturali indilazionabili da mettere in campo in modo compatibile con la necessità di assicurare la sostenibilità del nostro debito pubblico e il quadro finanziario europeo;
  3. la politica energetica e la lotta al cambiamento climatico, che è un’emergenza diventata assolutamente prioritaria;
  4. il ruolo internazionale dell’Italia, nell’Unione europea e nel quadro dell’Alleanza Atlantica, a partire dal sostegno all’Ucraina

rimane urgente e stringente per chiunque voglia governare in modo credibile il Paese e permettergli di superare questa fase così difficile.

Sono qui pubblicate le schede compilate da un gruppo di lavoro del MFE in cui sono sintetizzate le parti dei programmi elettorali dei principali partiti italiani che riguardano l'Europa.
Le parti in corsivo riportano i brani originali dei programmi, mentre le parti riassunte dal team MFE sono scritte in caratteri normali.

> File PDF delle schede

Le sezioni MFE stanno organizzando dibattiti pubblici con i candidati alle elezioni politiche per discutere delle questioni europee e chiedere loro di sottoscrivere l'appello federalista.

08-set Pavia 16-set Verona 19-set Bergamo
09-set Pontelagoscuro (FE) 16-set Cagliari 20-set Cesena
10-set Verona 16-set Perugia 20-set Roma
12-set Lecco 17-set Pavia 21-set Pavia
14-set Genova 17-set Ferrara 21-set Torino
15-set Pavia 17-set Milano 21-set Latina
15-set Pisa 17-set Asti 22-set Bergamo
16-set Pinerolo (TO) 18-set Monza 23-set Mestre (VE)

INTERVENTI

  • Al via il Governo presieduto da Giorgia Meloni L’auspicio del MFE per un’Italia europea

    Informazioni
    29 Ottobre 2022
    Come MFE ci auguriamo che sia il nuovo Governo, sia tutte le forze rappresentate nel Parlamento, vogliano convergere, nell’interesse dei cittadini, per diventare protagonisti della necessaria stagione di riforme europee, sostenendo innanzitutto la proposta di avviare una Convenzione per la riforma dei Trattati.
  • Il vero interesse dell'Italia

    Informazioni
    24 Ottobre 2022
    Il governo che entra in carica oggi sa di poter contare anche sul sostegno dell’Europa se saprà capire che il vero interesse dell’Italia coincide con un’Europa unita e coesa.
  • Comunicato dell'UEF sulle elezioni italiane

    Informazioni
    28 Settembre 2022
    Le elezioni politiche italiane dimostrano ulteriormente la necessità di una riforma dell'Unione europea. Mentre l'Europa guarda all'Italia con preoccupazione, l'UEF rivendica un'ambiziosa riforma democratica dell'Unione.

NOTIZIE

EVENTI

Ufficio del Dibattito

ASSOCIAZIONI COLLEGATE

Associazioni/iniziative alle quali l'Mfe aderisce

     

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). E' possibile scegliere se consentire o meno i cookie. In caso di rifiuto, alcune funzionalità potrebbero non essere utilizzabili. Maggiori informazioni